Via Burla – “Sovraffollamento del carcere preoccupante”

0

Sovraffollamento nelle celle del carcere di massima sicurezza di Parma, sono 603 i detenuti a fronte di una capienza regolamentare di 350 posti.

Lo rileva l’osservatorio sulle carceri dell’associazione Antigone, che si batte per i diritti negli istituti di pena, i cui rappresentanti sono stati in visita a Parma. Il sovraffollamento, definito “preoccupante» dall’associazione, comporta, ad esempio, che alcuni detenuti di media sicurezza continuino a permanere nelle celle di isolamento anche dopo la fine della sanzione disciplinare perchè non c’è posto per farli rientrare in sezione.

Il carcere di massima sicurezza dell’Emilia Romagna, rileva ancora Antigone, è un istituto complesso, che ospita oggi 63 detenuti in 41 bis, 36 detenuti in circuito di Alta sicurezza, 180 detenuti nella sottosezione di Alta sicurezza e 324 detenuti in Media Sicurezza.

Decisamente elevato, secondo Antigone, il numero dei condannati in via definitiva: 459 su un totale di 603. Sono inoltre presenti 112 ergastolani, in gran parte condannati all’ergastolo ostativo. Per quanto riguarda i circuiti di alta sicurezza la popolazione detenuta è quasi esclusivamente italiana e l’età media è molto alta. Diverso il discorso per la media sicurezza dove sono presenti molti detenuti stranieri e l’età media è decisamente inferiore.

Inoltre, conclude Antigone, «le attività trattamentali terminano molto presto nel pomeriggio e gli spazi di socialità appaiono inadeguati».

Nessun Commento

Lascia un commento