Parma in Serie A: le aspettative dei gialloblù

0

Il Parma ha vinto con merito il campionato di Serie B e ora si appresta a preparare la prossima stagione in vista del grande ritorno in Serie A. Già nel 2023 i ducali si erano avvicinati alla promozione, perdendo però la semifinale dei playoff contro il Cagliari per via di un rigore all’85’. Stavolta, invece, gli emiliani hanno dominato in lungo e in largo il campionato, pur chiudendo con appena 3 punti di vantaggio sul Como. Fabio Pecchia non vede l’ora di dire la sua sui principali palcoscenici, ma a vedere le scommesse sportive e i pronostici degli addetti ai lavori il Parma potrebbe limitarsi semplicemente alla corsa per la salvezza, almeno nel primo anno. In fase di mercato bisognerà intervenire pesantemente sulla rosa se si vorrà avere qualche chance in più contro formazioni già molto attrezzate.

Nel frattempo, la società ha già annunciato che sia il direttore sportivo Mauro Pederzoli sia l’head of scouting Mamo Notari hanno prolungato i rispettivi contratti, in modo da rimanere al fianco dei ducali nella speranza di una scalata verso le zone più interessanti della classifica. La volontà del club è quella di continuare a rinforzare la squadra conservando comunque la continuità con quanto fatto in precedenza. Ecco perché i ducali hanno già deciso di dare fiducia ad uno dei protagonisti dell’ultima stagione, attraverso il rinnovo di Adrian Benedyczak fino al 2028. Da 6 anni è lui il giocatore che ha segnato più goal con il Parma tra tutte le competizioni alle quali ha preso parte. La crescita del polacco è stata innegabile e negli ultimi 3 campionati è stato il più giovane di tutti a raggiungere la soglia delle 25 reti.

Per infiammare la piazza, però, serve qualche nuovo innesto di grande esperienza, qualche nome di grido. Un’idea stuzzicante è quella che porta ad Andrea Pinamonti, che nonostante la cattiva annata del Sassuolo ha messo a referto 11 gol in Serie A nell’ultima stagione. I neroverdi sono appena retrocessi in B, di conseguenza potrebbe essere più facile fare presa sull’attaccante, che a 25 anni è fortemente attenzionato dalla nazionale e intende continuare a giocare ad alti livelli. Anche Andrea Belotti è finito però nei radar gialloblù. La permanenza nella Fiorentina sembrerebbe da escludere, ma l’ex capitano del Torino non vuole lasciare il calcio italiano.

A prescindere da chi sposerà la causa gialloblù, il punto di riferimento principale continuerà ad essere Fabio Pecchia, un mister dall’esperienza certificata. In qualità di vice di Rafa Benitez, Pecchia si era seduto su panchine prestigiose come quelle di Napoli e Real Madrid, respirando poi l’aria della Premier League con il Newcastle. Dopo essersi “messo in proprio”, il tecnico ha ottenuto subito una promozione in A con il Verona, per poi retrocedere nuovamente nell’annata successiva. Un’altra promozione diretta è stata conquistata nel 2022 con la Cremonese. Mai, però, il rendimento di Pecchia era stato così continuo e costante come col Parma di questi ultimi tempi.

Le ambizioni dei ducali non sono affatto da sottovalutare. Gli emiliani non vogliono accontentarsi di una banale salvezza e sanno di vantare una piazza che meriterebbe molto di più. Negli anni ‘90 i crociati hanno scritto pagine di storia in Europa conquistando ben 2 volte la Coppa UEFA. Mettere nel mirino almeno la qualificazione in Conference League non sarebbe quindi illegittimo. Molto dipenderà dalle occasioni di mercato. I tifosi sono già piuttosto speranzosi: il Parma è tornato in Serie A per rimanerci a lungo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here