Green pass anche per treni, aerei e traghetti: come e cosa cambia dal 1° settembre

0
green pass 6 agosto

Cambiano le regole del green pass: dalla prossima settimana entrano in vigore i dettami previsti dal decreto legge 111 dello scorso 6 agosto 2021, che prevedono un allargamento dell’utilizzo della certificazione verde. Se infatti ad oggi il green pass serve per entrare nei locali al chiuso, per partecipare agli eventi e per viaggiare nell’Unione Europea, dall’1 settembre servirà per tutti i viaggi che comportano spostamenti di lungo raggio.

Pertanto solo vaccinati, guariti dal covid e tamponati con certificato negativo potranno salire a bordo di:

aerei;
navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale (tranne quelli che operano nello Stretto di Messina);
treni Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità;
autobus che collegano due regioni.
Sono esclusi dall’obbligo di green pass gli utenti che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico locale e regionale.

Tuttavia come ha spiegato il ministro delle Infrastrutture e Mobilità, Enrico Giovannini torneranno i controllori per verifiche sia sui mezzi che a terra per ridurre l’affollamento di bus, tram e metropolitane. Compito dei controllori sarà anche quello di verificare il corretto uso delle mascherine e il rispetto delle regole di distanziamento previsto dalle norme anti-Covid.

Il green pass a scuola
Restano esenti dall’obbligo i minori di 12 anni e i sogetti che non possono vaccinarsi perché esenti secondo i criteri definiti dal Ministero della salute. Rimangono i nodi da sciogliere per la ripresa dell’anno scolastico: resta spinoso il caso dei tamponi per il personale scolastico che potrà accedere agli istituti solo con il Green pass. Come spiegato dal ministro Bianchi chi non è vaccinato rischia infatti di essere sospeso dal servizio se non vaccinato e senza tamponi. I professori che non rispetteranno l’obbligo saranno considerati in “assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto giorno di assenza perderanno anche il compenso. Discorso diverso per gli studenti: fino alle scuole superiori nessun obbligo di green pass, mentre gli universitari che vogliono seguire le lezioni in presenza in ateneo dovranno essere in possesso della certificazione verde.

Green pass 9 o 12 mesi?
Una novità rilevante è attesa in occasione della conversione in Aula alla Camera del decreto sul Green Pass. Il governo potrebbe infatti presentare un emendamento per l’estensione della validità del certificato verde da 9 a 12 mesi dalla seconda dose di vaccino anti covid. Ossia, fino a oltre la fine dell’anno per coloro che hanno ricevuto la somministrazione per primi, in particolare gli operatori sanitari, e a seguire per gli altri. La discussione passerà poi in Senato dove si prevede che si concluda entro metà settembre. In linea con i tempi – sottolineano fonti del governo – di una decisione sulla terza dose da parte degli enti regolatori.

Venerdì, con ogni probabilità, il comitato tecnico scientifico si riunirà per esaminare la richiesta del ministero della Salute in merito alla possibilità di prorogare la durata del green pass. Altro tema allo studio, quello di uniformare la durata del green pass per tutti, anche per i guariti: in questo caso il calcolo della scadenza avverrebbe dal momento delle dimissioni per chi è stato ricoverato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here