Liberazione, “Ricordare per non dimenticare”: corteo con corone d’alloro nei luoghi simbolo della città

0

Ricordare per non dimenticare il sacrificio di coloro che sono morti in nome della libertà attraverso le parole di chi ha vissuto quei tragici eventi.

Nella mattina di giovedì 20 aprile, hanno preso avvio le celebrazioni del 25 aprile, festa della “Liberazione”, di cui ricorrono, quest’anno, i 72 anni, con la deposizione di corone di alloro in vari punti della città.

Il corteo si formato in piazza Garibaldi: per il Comune era presenta il consigliere Andrea De Lorenzi, per la Provincia c’era Gianpaolo Cantoni assieme ai rappresentanti delle associazioni partigiane di Parma e provincia. Le corone di alloro sono state depose in corrispondenza di varie lapidi commemorative della città.

Il corteo, si è formato alle 10 con la deposizione della prima corona in corrispondenza della lapide, posta in piazza Garibaldi sul fronte del Palazzo del Governatore, che commemora la fucilazione di Giuseppe Barbieri 30 anni, Vincenzo Ferrari 41 anni, Gedeone Ferrarini 39 anni, Afro Fanfoni 40 anni, Eleuterio Massari 42 anni, Ottavio Pattacini 38 anni e Bruno Vescovi 19 anni. Furono tutti uccisi il 1 settembre 1944, da esponenti della Brigata nera.

Il corteo ha, poi, fatto tappa in borgo Sanvitale dove nel 1943 fu istituita la sede del Comitato di Liberazione Nazionale. Sono seguite la posa delle corone d’alloro in via Cavestro davanti all’Università, all’interno dell’androne del Tribunale, in via Padre Onorio, alla sezione del Tiro a segno Nazionale dove verranno ricordati gli ammiragli Campioni e Mascherpa.

La mattinata si è conclusa al cimitero della Villetta con deposizione di una corona nel viale centrale ed al monumento al Partigiano.

Nel pomeriggio il corteo si ricostituirà alle 15 sotto i Portici del Grano per la deposizione delle corone d’alloro alle lapidi commemorative dei militari italiani caduti nelle isole dell’Egeo, ai cittadini parmensi deportati nei campi di sterminio ed alle donne cadute per la libertà. Alle 15.20 il corteo farà tappa davanti alla lapide che si trova all’ingresso delle vecchie carceri di San Francesco, per proseguire, poi, alle 15.40, per l’ex scuola di applicazione dove ha sede oggi il Comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri; alle 16.05 sosta davanti al monumento alle barricate in piazzale Rondani, alle 16.15 in piazzale Marsala e, alle 16.40, a Villa Braga a Mariano.

Nessun Commento

Lascia un commento